Celiachia ed aumento di peso

Continua il mese della sensibilizzazione ed informazione su celiachia e disturbi glutine correlati e dunque ghiotta (!) occasione per parlare anche del dopo-diagnosi. Cosa può accadere?

Bhè la prima cosa positiva è sicuramente la scomparsa dei sintomi e poi … e poi quello che in tanti – celiaci e non, temono: l’aumento di peso.

http://www.healthnowmedical.com/images/content/blog/list-518663.jpg

A lanciare il sasso è il Corriere della Sera con un VIDEO durante il quale il dr Andrea Ghiselli, ricercatore presso il Centro di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione di Roma (CRA-NUT), spiega l’aumento di peso di chi ha ricevuto diagnosi di celiachia.

Argomento sicuramente non nuovo e neanche nuove sono le motivazioni addotte e … allora? Perchè parlarne?

Perchè a mio modo di vedere è giusto ripetere e non dare mai per scontato nulla ma è anche giusto andare avanti! … mi spiego…

Se da un lato è bene ripetere che il celiaco dopo qualche mese dall’inizio della sua terapia – cioè la dieta senza glutine – prende peso dato che i suoi vill intestinali ritrovano la perduta integrità tornando così, ad assorbire adeguatamente i nutrienti con conseguente ritorno all’equilibrato stato nutrizionale , d’altro canto non si può oggi ancora dire che:
1. gli alimenti senza glutine sono ricchi di zuccheri e grassi
2. i celiaci ingrassano perchè si ‘fanno delle coccole‘ caloriche per sopperire alla frustazione della alimentazione senza glutine
3. possono attingere a prodotti freschi quali frutta e verdura.

I prodotti senza glutine sono veramente tanti pertanto la possibilità che il celiaco faccia scelte consapevoli che nel nostro caso significa scegliere prodotti trasformati con pochi e buoni zuccheri e grassi – c’è!

La tecnologia alimentare ha aiutato molto le Aziende a trovare più idonei sostituti del glutine ponendo dunque sempre attenzione agli aspetti nutrizionali del prodotto. A questo aggiungo che il celiaco avendo così tanti prodotti a sua disposizione certamente non cerca ‘coccole caloriche’. Sarei piuttosto del parere che il celiaco come buona parte delle popolazione soffre di divanite acuta e pratica sempre più divaning piuttosto che running o semplicemente walking 🙂

E’ piuttosto questa combinazione che porta l’aumento di peso così dilagante!

Riguardo all’ultimo punto, cioè che i prodotti freschi senza glutine sono frutta e verdura – vorrei aggiungere che i prodotti naturalmente senza glutine sono anche altri …

Se riamaniamo nel regno vegetale troviamo ortaggi, erbe spontanee edibili, legumi, frutta secca, frutta esotica.
Se pensiamo ad un aumento della sapidità ci sono le erbe aromatiche, le spezie validi sostituti del sale.
Se pensiamo ai prodotti di origine animale carne, pesce, uova e formaggi sono tutti prodotti naturalmente senza glutine.

Tutto da consumarsi nel rispetto dei capisaldi della Dieta mediterranea: fresco – di stagione – nel rispetto della territorialitàbiodiversità e frugalità.

Grazie dr Ghiselli e … quanto a voi , stop agli acquisti di prodotti confezionati 🙂

Fonte: Celiachia e Dieta Mediterranea senza Glutine – Il Pensiero Scientifico Editore.

6 passi verso il “normopeso” gluten-free

Sovrappeso, obesità, circonferenza vita aumentata…. sono termini con i quali non voremmo mai confrontarci. Ci spaventano perchè sappiamo le ricadute sulla salute e anche…. con un pizzico di civetteria!….sull’aspetto fisico.

In condizioni fisiologiche l’aumento di peso e/o l’aumento delle circonferenze (quella della vita e quella dei fianchi) subito ci mettono in allerta. Dal celiaco invece, subito dopo la diagnosi e quindi da quando inizia la dieta gluten-free, tale aumento è accolto positivamente perchè significa che ha una buona compliance alla dieta.

Recenti studi epidemiologici hanno però evidenziato che un numero crescente di celiaci sono in sovrappeso o addirittura obesi. E’ importante fare 6 passi per recuperare la condizione di normopeso. Ciò non si traduce in peso desiderabile o peso ottimale o giusto peso ma in quel peso che permette di mantenere il nostro buon stato di salute, intesa come benessere psicofisico.

Ma come fare se il celiaco mangia una buona quota di alimenti confezionati e spesso ricchi di grassi, zuccheri ……? Questa è una delle domande classiche…..

Ecco, allora di seguito 6 piccoli suggerimenti da seguire:
1. Stop snacking! Dividiamo la giornata in 5 momenti: 3 pasti fondamentali (colazione, pranzo e cena) e 2 spuntini. Assicuriamo così l’apporto di nutrienti e calorico necessari al nostro organismo.

2. Limitare l’uso di prodotti confezionati. E’ possibile preparare a casa qualcosa di fresco oppure si può ricorrere a prodotti freschi naturalmente privi di glutine.

3. Fare sempre una buona colazione. Tante sono le combinazioni che possiamo ideare per garantire -subito dopo il risveglio- la giusta quantità di importanti nutrienti (acqua, zuccheri semplici e complessi, proteine, vitamine e minerali ma pochi grassi).

4. Leggere le etichette! E’ importante controllare non solo gluten-free ma anche la quantità e la qualità dei grassi oppure degli zuccheri….

5. Dormire. E’ importante garantire al nostro corpo un buon riposo notturno anche la digestione ed il metabolismo miglioreranno.

6. Esercizio fisico. Non c’è nessun cambiamento nell’alimentazione che può aiutare a perdere peso se non si pratica quotidianamente attività fisica (30′ di camminata a passo sostenuto, cioè quel passo che fate quando sapete di essere in ritardo per un appuntamento al quale però non potete arrivare sudati!).