Clandestine Passengers

programma

Clandestine Passengers – storie di salute, benessere e questioni di gioia è il titolo dell’evento che si terrà il 20 giugno a Rimini presso l’ecoarea a Cerasolo di Coriano.

Tatiana Campolucci – socio-antropologo nonchè fondatrice di Studio Campoluccilaw culture & art for a new life, un centro studi meglio definito da lei stessa come un’officina olistica, ha fortemente voluto questo momento d’incontro.

L’agorà vede un parterre di grande spessore e … Tatiana mi ha pensata! Grazie 🙂

Si, sarò presente in qualità di relatrice come Health Zen Coach e come responsabile della divisione Health di Incoaching. Ho suggerito questo titolo: Vivi Consapevole … La Green Blue Mediterranean DIET.

La mia relazione prenderà il via con due riflessioni scaturite dal titolo dell’evento: Clandestini Passeggeri:
Siamo … Clandestini: nessuno di noi ha dato l’autorizzazione ad iniziare questo viaggio terreno …
Siamo … Passeggeri: viaggiamo a bordo di un mezzo (corpo) solcando il Pianeta Terra!

Di tutto ciò dobbiamo prenderne consapevolezza! e … dobbiamo adottare una sana alimentazione, un corretto stile di vita nel pieno rispetto del nostro Corpo (visione eGocentrica) e del Pianeta Terra o meglio ancora della sue Risorse: acqua – suolo e aria (visione eCocentrica).

Questo il succo del mio contributo 🙂
Vi aspetto!

Al via il Master in Health Coaching

Si, ormai i tempi sono maturi per parlarne….
le scartoffie compilate…
la burocrazia sistemata…
insomma.. ci siamo!!!

Di cosa sto parlando?
Semplice, il coronamento di un mio sogno:
l’ATTIVAZIONE DEL MASTER DI I LIVELLO in HEALTH COACHING.

nuovo

Si accende un riflettore su salute, alimentazione, stile di vita, comunicazione, relazione… tematiche sicuramente ben familiari ma che in questo caso saranno trattate e presentate in modo originale e – al momento – unico su territorio nazionale, durante lo svolgimento del master. La sede? l’Università di Camerino.

Chi ha creduto all’impresa e sostenuto la causa? La determinata quanto efficace professoressa Rosita Gabbianelli. Chi ha innescato la miccia facendomi conoscere il metodo del coaching e non solo…? La saggia quanto sagace coppia Alessandro Pannitti e Franco Rossi.

Questo è l’incipit dell’avventura che ci vedrà tutti coinvolti insieme ad altri docenti che progressivamente presenterò. I professionisti che si iscriveranno invece saranno ai blocchi di partenza il 15 gennaio 2015

Il 10 luglio è invece la data fissata per l’uscita del bando sul sito dell’Università ma… ci aggiorneremo costantemente!

Non fatevi scappare l’occasione il master è a numero chiuso.

La triade della dieta senza glutine

Eccoci pronti per la seconda puntata come promesso!

Qual’è la triade della dieta senza glutine? Sicurezza Qualità e Salute.

http://admin.sssa.it/media/00001011.jpg

Il celiaco consuma numerosi prodotti trasformati dell’industria, che nel suo caso sono i dietoterapici senza glutine. Infatti difficilmente fa uso di pane fresco o prodotti da forno freschi a meno che non riesca a prepararli in casa.

A questa considerazione ne dobbiamo aggiungere un’altra: la Dieta Mediterranea, cioè la nostra quotidiana alimentazione prevede un consumo giornaliero di cereali e derivati (circa il 55-60% delle calorie giornaliere) e più volte al giorno. Iniziando dalla prima colazione con pane o fetta biscottata o ciambella o biscotti alla pausa pranzo (piatto di pasta o riso o panino) fino alla cena dove in genere si utilizzano sempre del pane e/o sostituti del pane.

Guardiamo più da vicino allora, questo prodotti gluten free. Fino ad oggi molto ci si è concentrati nel garantire al celiaco la Sicurezza, cioè un prodotto senza glutine. Solo grazie al Regolamento CE n° 41/2009 si è arrivati ad una conclusione certa e uniforme in tutti i Paesi. Gluten-free identifica un prodotto che è naturalmente privo di glutine oppure un prodotto reso senza glutine in cui il valore soglia è pari a 20 ppm, cioè 20mg per chilo di prodotto finito. Accanto a questi prodotti ci sono poi sul mercato eurpeo quelli definti very low gluten, cioè con un quantitativo di glutine compreso tra 21-100 ppm. Questi prodotti in Italia non li troviamo in quanto in recepimento del Regolamento europeo l’Italia ha elaborato un emendamento in cui si afferma che solo i prodotti 20 ppm sono inseriti nel Prontuario degli alimenti perchè sicuri per il celiaco.

Perchè questa differenza? Proprio perchè in Europa dieverso è il consumo di cereali e derivati e di conseguenza l’ingestione di glutine. Ricordiamoci che il celiaco può assumere al massimo 10 mg/die di glutine. Facciamo un esempio per capire meglio….. In media un italiano mangia 200g di pasta. Se è una pasta gluten free a 20ppm assumerà circa 4 mg di glutine. Uno svedese mangia 50g di pasta. Se è una pasta 100ppm in media assumerà 5 mg di glutine. Ecco spiegato perchè nel Nord Europa può essere accettato anche un valore soglia superiore.

Conquistata la Sicurezza è bene pensare alla Qualità. Un termine molto usato e forse spesso mal usato. La qualità di un prodotto alimentare è
– qualità igienico-sanitaria – un pre-requisito insieme alla sicurezza;
– qualità organolettica-sensoriale – il prodotto deve avere un buon profumo, aroma, gusto, consistenza, croccantezza e buona palatabilità
– qualità tecnologica e commerciale – il prodotto deve avere una confezione pratica e comoda; una buona conservabilità…..
– qualità ambientale – è una attenzione che recentemente il consumatore ha ed è rivolta alla salute e al benessere degli animali e alla salute delle piante che entrano nel prodotto ed infine – non sicuramente per importanza la qualità nutrizionale – il prodotto deve avere una buona composizione in nutrienti importanti per salvaguardare lo stato di buona salute.

Negli ultimi anni non si può certo negare che le Aziende del settore abbiano cercato di rispondere ai primi requisiti di qualità!Oggi sul mercato ci sono circa 13.000 prodotti di cui 740 prodotti a marchio Spiga Barrata, 1950 prodotti con Autorizzazione Ministeriale e circa 10310 prodotti inseriti nel Porntuario AIC. Prodotti diversificati nelle numerose categorie merceologiche (biscotti, pane, pasta, snack salati, snack dolci…..). Sono prodotti che rispondono anche alle diverse esigenze del celiaco in casa e fuori casa ad esempio le monoporzioni, i piatti pronti, eat&go e molto altro.

E… in tutto questo la qualità nutrizionale c’è? E la Salute? Sono damande stimolanti ed interessanti alle quali a breve risponderò!