Alimentazione e Sclerosi Multipla

Perchè parlarne qui? Bhè per diversi motivi ed in particolare perchè … perché il web-blog è NOT ONLY gluten free; perchè la cura è la dieta e perchè è una malattia autoimmune cronica, nello specifico demielinizzante … e perchè ho un piccolo-GRANDE ‘affetto‘ a me vicino … dunque alcuni punti di contatto ci sono!

A tutt’oggi non è ancora chiara la relazione che ci possa essere tra alcuni fattori legati alla dieta e allo sviluppo e/o slatentizzazione della Sclerosi Multipla ma qualcosa di nuovo sta emergendo!

10.1177_1759091414568185-fig1

Alcuni fattori quali alterazioni del metabolismo, infezioni virali, accumulo nell’organismo di metalli pesanti, fumo, obesità in età pediatrica, bassi livelli di vitamina D nell’organismo e regimi alimentari non equilibrati possono influenzare l’andamento della malattia.

Dalla letteratura scientifica più recente sappiamo che il cibo è in grado di agire sull’attività della cellula sia stimolando la produzione di determinati enzimi che influenzando l’espressione dei geni. Ma recentemente si è aggiunta un’altra via, cioè il cibo può modificare il microbiota – cioè l’insieme dei microrganismi saprofiti, che “convivono” con l’organismo umano senza danneggiarlo, almeno in condizioni di normale funzionamento del sistema immunitario. Tale modificazione si riflette sull’organismo compresi i processi infiammatori, tra i quali quelli della sclerosi multipla.

Di seguito alcuni alimenti, o meglio loro componenti (nutrienti) che facilitano l’infiammazione in generale ed in particolare quella della sclerosi:
• Carni bovine, ovine e suine, latte intero, burro, margarina e insaccati, spuntini e alcuni alimenti conservati perché ricchi di acidi grassi saturi e/o acidi grassi trans;
• Bevande zuccherate, alimenti dolci e molto zucchero aggiunto a bevande e alimenti hanno un effetto negativo perché provocano bruschi aumenti del glucosio circolante nel sangue (glicemia), che a loro volta stimolano incrementi della concentrazione di insulina. Questi hanno, fra gli altri effetti, quello dell’aumento della produzione di molecole derivate dall’acido arachidonico, come le prostaglandine, che contribuiscono a determinare l’infiammazione.
• Cibi con elevato contenuto di sale possono modificare alcune funzioni del sistema immunitario, nel senso di stimolare meccanismi dell’infiammazione caratteristici delle malattie autoimmuni, quali appunto la sclerosi multipla.

Di seguito invece alcuni nutrienti che contrastano l’infiammazione in generale ed in particolare quella della sclerosi:
• la vitamina D ha un ruolo di regolazione del sistema immunitario, che potrebbe contribuire a ridurre l’intensità dell’infiammazione;
• dosi elevate di vitamina C, vitamina E e carotenoidi (vitamina A);
• polifenoli, molecole che troviamo nella verdura, cereali, legumi, spezie, erbe aromatiche, frutta, olio d’oliva, tè, caffè e vino;
• acidi grassi monoinsaturi e polinsaturi, peculiari dell’olio di oliva, olio di semi di girasole, pesce azzurro, salmone, merluzzo e trota.

Se questi elencati sono i principali nutrienti e/o alimenti in grado di promuovere e ridurre l’infiammazione rimane a tutt’oggi aperta una domanda: esiste una alimentazione in grado di curare la sclerosi multipla?

Non esiste una dieta che abbia dimostrato questo effetto, ma evidenze raccolte in studi sull’argomento, suggerirebbero che un’alimentazione sana favorisca una migliore qualità di vita e una maggiore efficienza fisica e mentale nelle persone con sclerosi multipla.

Fonte: Nutrition facts in multiple sclerosis.