Obesity Day 2015

Si, ne parliamo anche noi perchè NON siamo certo immuni da questa dilagante realtà!

OBESITY-kzLB-U10601613003767AZC-700x394@LaStampa.it

Stamane ha preso il via la 15° edizione della Giornata dell’Obesità e su tutta la nostra Penisola con iniziative volte a sensibilizzare ed informare la popolazione sull’importanza di adottare corretti stili alimentari e sani stili di vita per prevenire la condizione di obesità che in modo silente predispone a malattie croniche quali osteoporosi, sarcopenia, diabete di tipo II e sindrome metabolica.

Dopo il tabagismo ed il terrorismo, l’obesità rappresenta oggi la terza emergenza più costosa sulla collettività; 10% della popolazione italiana è in sovrappeso mentre il 5% è obesa.

Lo slogan scelto è Camminiamo insieme per evidenziare che la priorità di fare movimento rimane sempre forte&costante.

A dare concretezza a tale invito ecco qualche dato:
Per raggiungere risultati ottimali è sufficiente camminare a passo svelto per almeno 150 minuti a settimana.
Studi recenti dimostrano che al di sotto di questa quota il peso oscilla in maniera irrilevante. Chi parte da due ore e mezza di moto alla settimana, arriva a ottenere un calo ponderale di 2-3 chilogrammi in un mese, fino a 7,5 chili: se l’attività raggiunge le sette ore settimanali.

Una precisazione va fatta … e non certo per voler medicalizzare tutto a tutti i costi quanto piuttosto per far si che tutto sia svolto in sicurezza ed efficacia d’intervento.
L’attività fisica nei pazienti obesi o in sovrappeso è un importante strumento terapeutico. Rispetto alle persone normopeso, questi pazienti necessitano di un approccio multidisciplinare che coinvolga il dietologo, il cardiologo, il medico dello sport, l’ortopedico e il fisioterapista per valutare l’impatto del programma e essere, infine, seguito da una figura professionale specializzata in scienze motorie.

Aggiungo anche che … seppur a volte ci pensiamo poco la consapevolezza e la motivazione sono alla base della compliance ad uno stile alimentare e stile di vita adeguati.

Non rimane dunque che rimboccarsi le maniche ed eliminare le circostanze che possono condurre ad un rapporto incestuoso con il cibo! Evitare dunque l’iperconsumo di alimenti ricchi di energia.