E’ ora di RI-partire!

Si, è proprio ora di RIpartire! Direi di farlo prima di tutto con un grazie a voi lettori, per la pazienza e la costanza accordatami fin qui.

Prendo spunto da una frase di Anton Ego: Per molti versi la professione del CRITICO è facile: rischiamo molto poco pur approfittando del grande potere che abbiamo su coloro che sottopongono il loro lavoro al nostro giudizio; PROSPERIAMO grazie alle RECENSIONI NEGATIVE che sono uno spasso da scrivere e da leggere.
Ma la triste realtà a cui ci dobbiamo rassegnare è che nel grande disegno delle cose anche l’opera più mediocre ha molta più anima del nostro giudizio che la definisce tale.
Ma ci sono occasioni in cui un critico qualcosa rischia davvero: ad esempio nello SCOPRIRE e DIFENDERE il NUOVO
.

Anton

In questi mesi tante le novità, tante le riflessioni….. ORA eccomi approdata di nuovo alle mie care pagine di Not Only Gluten Free che esattamente il 30 maggio compirà ben 6 anni!

Occasione/Spunto è stata la giornata di domenica 5 maggio a Desenzano sul Garda – dove grazie alla dr Schar – è stato possibile incontrare un folto-interessato gruppo di farmacisti e titolari di negozi specializzati. Ghiotta occasione per andare a curiosare tra le etichette alimentari di alcuni dei prodotti gluten free. Ma avete visto quanti sono??? Ben 120!

Ne avremo di cose da dire 🙂 e partiremo da qui….

Diapositiva1

… certo che ci sono: eccomi!

I giorni passano super-velocemente e debbo confessare che aprendo la pagina del blog mi sono resa conto che …. l’ultimo post risale al 21 giugno e… ancora più particolare la coincidenza che il post precedente era del 21 maggio!

Questa volta siamo invece all’8 luglio… cominciamo dunque a sfatere qualche mito, come a me sempre piace fare!!!

Il silenzio di questo periodo non trova certo riscontro nel silenzio del mondo scientifico su temi a noi ben familiari quali la celiachia, la sensibilità al glutine (la più recente entità clinica), la terapia cioè l’alimentazione gluten free e/o la tecnologia alimentare.. è invece piuttosto legato ad un momento di riflessione su questi temi e di grande impegno per un progetto che mi vede responsabile ed estensore.

Tutto è nato da quando circa 8 mesi fa, sono stata nominata capo-commissione Igiene e Sanità del Distretto Centro della FIDAPA BPW-ITALY; a febbraio si è aggiunta poi, un’altra notizia: la nominata di member of health standing committee della FIDAPA BPW-EUROPE. Da qui è stato un vero crescere di impegni e di soddisfazioni, nonchè di grandi emozioni e di grandi scoperte riguardo al capitale sociale (stupenda definizione data dall’amico Cleto e che ora prendo in prestito!): fiducia, disponibilità, cordialità e molto altro ancora, da parte di tutte le persone che ho incontrato…. GRAZIE! Ora eccomi qui con voi che siete stati pionieri in questi bei valori condivisi, giusto?!

In tali ruoli ora sono responsabile del progetto dal titolo Aging People in Action for a Better Life, di durata biennale che prevede diverse Azioni. Anche in questo caso, come feci per la celiachia, tra le prime cose attivate – da brava blogger – c’è World Wide Aging, un web-blog interamente dedicato all’avanzamento dei lavori del progetto ma anche dedicato ad informare/educare correttamente sull’importanza della Nutrition, del Life Style e della Lumosity (le tre macro-aree del progetto stesso) per garantire un invecchiamento in salute! Ora, in tempi più moderni (!), ho anche preparato una pagina Facebook!

Per avere una idea più dettagliata potete curiosare tra le pagine che riguardano
– il progetto oppure….
– la spiegazione del logo, appositamente studiato e realizzato grazie al prezioso contributo di Mariana e Paula, oppure…. potete gustarvi la visione del video promozionale, che grazie alla sapiente esperienza di Francesco sono riuscita a concretizzare.

A che punto sono ora? Sono in attesa di una conferma da parte della senatrice Dorina Bianchi a che il Governo abbia accettato il Progetto presentato come mozione parlamentare ed inoltre ho appena avviato l’indagine conoscitiva sull’invecchiamento. Il questionario che è stato, anche in questo caso, studiato appositamente prevede sei domande, 3 per ciascuna delle tre aree sopra definite. La sua compilazione è possibile in formato cartaceo ma anche on-line QUI sia in italiano che in inglese: QUI!

Spero avrete piacere di condividere con me anche questa avventura che sicuramente vedrà momenti di intersezione sia con la celiachia che con la sensibilità al glutine, alla luce anche dei recenti dati epidemiologici e… perchè intanto non compilate il questionario? Logicamente solo se vi ho incuriosito e solo se siete…. over 50!!!

Cosa bolle in pentola? e… cosa accade tra le provette?

Toc, toc… c’è nessuno? Si, si ci sono…. e giocando un po con il sottotitolo del blog mi riaffaccio sulla rete

In questi giorni ci sono state tante novità riguardanti la celiachia e sopratutto l’etichettatura dei prodotti gluten free, perchè non parlarne qui? Vi prometto che presto ne parleremo!

Ora…. sono concentrata a ben chiudere il master Celiachia: dalla Clinica al Management.

Ricordate… iniziai circa un anno fa e a tutt’oggi vi dico che è stata una stupenda avventura! Il livello delle lezioni eccellente; il materiale proposto aggiornatissimo e… i colleghi simpatici e accoglienti… ora però – come sempre accade – in chiusura affiora qualche difficoltà: manca il tempo e ovviamente il tutto è ben condito con una buona e sana paura!

Da bravaseniorvolenterosa nonchè impenitente studentessa sto arrancando tra lo studio per l’esame orale, gli ultimi esperimenti da fare per la tesi sperimentale e la stesura della tesi stessa!!!

Che argomento ho scelto? Bhè curiosoni …. ecco il titolo: “Dieta Mediterranea e Celiachia: valutazione dell’Indice Glicemico nella pasta gluten free“. Mie guide sono il Prof. C. Catassi e la dr. T. Bacchetti.

Spero di essere perdonata se rimarrò un po in silenzio in questo periodo…. la vita out line ferve!

Il gelato con una marcia in più: Ciro&Pio

Nasce nel 1952 ed a tutt’oggi è la migliore gelateria di Jesi e non solo!

Ciro e Pio due giovani baristi della zona del Prato di Jesi (taduzione in vernacolo: ju pel prado) che cominciano a produre gelato nel rispetto della tradizione, della genuità e soprattutto del gusto. Oggi i figli continuano questa tradizione ma anzi hanno aumentato le loro attenzioni in particolare:
– per le materie prime
– per la salute
– per l’ambiente.

Per le materie prime ad esempio scelgono la nocciola tonda gentile trilobata; il pistacchio di Bronte; la mandorla Pizzuta di Avola di Sicilia; il torrone d’Alba; le noci di Sorrento, i marroni glassati di Agrimontana, le visciole del montefeltro di Mauri Maurizio; un cacao di origine Caraibica ed infine non grassi vegetali idrogenati ma solo panna fresca. Anche nel latte c’è una scelta ben precisa, cioè solo latte intero di alta qualità ed in alcuni gusti latte intero biologico.

L’attenzione per salute è crescente, infatti dopo diversi anni di collaborazione con AIC per la produzione di tutto il gelato gluten free ora ci sono gelati idonei per coloro che hanno intolleranza al lattosio, alle uova e alla frutta secca. Completano la lista i gelati senza saccarosio. Riguardo ai gelati gluten free c’è una simpatica nota: tutti i gusti sono gluten free solo 3-4 contengono glutine. E allora come evidenziarlo? Facile…. è stata capovolta la logica e sono stati contrassegnati – con una spiga – quelli vietati! Inoltre ci sono anche i coni gluten free.

Infine, l’attenzione all’ambiente è realizzata grazie all’utilizzo di materie prime da “Aziende a Km 0” quali Tre Valli, Monaldi, Ortofrutta, Fiorente, Trionfi Honorati e Gastreghini ed inoltre scegliendo contenitori e cucchiaini biodegradabili e prodotti da materiale riciclato.

Per conoscerli meglio potete visitare il sito ma forse la cosa migliore sarebbe quella di venire a gustare direttamente sul posto!

Se passate fatemi sapere, vi aspetto con piacere 🙂

A tavola con il sorriso

E’ nato il progetto A tavola con il sorriso! L’obiettivo principale è quello di coinvolgere adulti e bambini, per educarli all’autogestione e alla consapevolezza della varietà di un’alimentazione senza glutine, queste sono le parole che si leggono nella presentazione.

Il progetto con il patrocinio di AIC, si rivolge alle scuole, agli chef, agli amanti della buona cucina e, con particolare attenzione ai celiaci e alle loro famiglie.

Ecco il programma, l’apericena ed il blog, curato da Daniela, Serena e Marialetizia.

Io lo seguirò e voi?

2 Giugno: arriva la nuova Piramide Alimentare

Il 2 giugno è una data importante per l’Italia: è la Festa della Repubblica mentre oltre oceano è il giorno in cui sarà pubblicata la nuova piramide alimentare. A dare l’annuncio è Robert C. Post, PhD, deputy director del Center for Nutrition Policy and Promotion, USDA.

Quella attuale non cattura l’interesse dell’utente. La nuova icona è stata invece studiata per promuovere messaggi nuovi, semplici e facili da attuare nella quotidianità con lo scopo di educare gli americani al mantenimento dello stato di buona salute.

Kathleen Zelman, RD, direttore del settore dedicato alla nutrizione in WebMD, è al momento l’unica persona che ha visto la nuova piramide e questo è il suo commento: le persone vedendo questa icona diranno: “ahaaa, questo non è difficile da mettere in pratica quindi posso farlo anche io!” Dunque tutti saranno veramente motivati a cambiare i loro comportamenti.

Con queste premesse la curiosità è veramente tanta e duqnue aspetteremo la data del 2 giugno ma…. la mente corre, e…… in Italia? Cosa succede? Quali sono i nostri strumenti?

I LARN del 1966, Le Linee Guida del 2003, la Piramide Alimentare ancora del 2003……

Cosa bolle in pentola….

Eccomi ritornare dopo questo lungo periodo di silenzio per condividere con voi ciò che sto covando!

Finalmente sto leggendo le bozze del libro …. Celiachia e Dieta Mediterranea senza glutine.

E’ ormai da tanto tempo che mi sentite parlare e scrivere di Dieta Mediterranea senza glutine e circa 2 anni fa al convegno nazionale dell’ADI ebbi la spinta a scrivere un libro.
Di li a seguire il Pensiero Scientifico Editore, nella persona di Bianca Maria Sagone – saggia e paziente profesisonista – mi contattò per concretizzare questa idea…. e l’avventura partì!

Posso confessare che mai furono così tanto vere le proverbiali parole “tra il dire ed il fare c’è di mezzo il mare“! Ma oggi ho tra le mani la copertina e … le bozze.

In questi giorni inoltre si stanno accumulando tanti altri importanti appuntamenti…. si sta avvicinando la data del 1° Food-Camp gluten free. Ricordate? Domenica 17 aprile al Castello di Gargonza!

Ma prima sarò al meeting advisory board Dr. Schar al Vigilius Montain Resort.

…. dunque non mi ero dimenticata di voi e del gluten-free!!!