La celiachia vien … d’estate

Un gruppo di ricercatori dell’Unità Operative di Epato-Gastro e Nutrizione e di Patologie Epato-Metaboliche del Bambino Gesù di Roma e di Gastroenterologia dell’Università di Bari, ha recentemente pubblicato su European Journal of Pediatrics i risultati di uno studio il cui obiettivo era verificare se la stagione – meglio il mese – di nascita può essere associata ad una maggiore probabilità di sviluppare celiachia.

http://www.glutenfreetherapeutics.com/wp-content/uploads/GFT_May-19-Blog.jpg

La risposta è affermativa!

Un dato curioso ma piuttosto allarmante quello che evidenzia come i bambini nati nei mesi estivi abbiamo maggiori probabilità di sviluppare questa patologia.

Lo studio ha visto la formazione di due squadre: il primo gruppo costituito da 596 bambini celiaci nati negli anni 2003-2010 vs il secondo gruppo di controllo formato da 439.990 bambini NON celiaci nati negli stesi anni e nelle stesse città dei primi.

La valutazione finale ha mostrato una prevalenza del numero delle nascite di pazienti celiaci nella stagione estiva (28,2%) rispetto al gruppo di riferimento (23%). Inoltre stratificando il campione per sesso ed età è stata confermata l’associazione tra celiachia e nascita nei mesi estivi aggiungendo la predominanza nelle bambine 28.6% vs 22.6%.

Conclusione dello studio è che i bambini nati nel periodo estivo hanno un più alto rischio di sviluppare celiachia. Questa la motivazione addotta …

[…] summer-born infants are introduced to complementary feeding (gluten) in winter, when the rotavirus infection is at its hightest peak; this may be the link between season of birth and development of celiac disease.

«Il possibile link tra stagione di nascita e sviluppo di celiachia, in soggetti geneticamente predisposti – spiega la dottoressa Antonella Diamanti, gastroenterologa e responsabile della Nutrizione Artificiale del Bambino Gesù – potrebbe essere rappresentato dalla concomitanza tra la prima introduzione del glutine (consigliata dai pediatri in genere a 6 mesi di età e quindi tra novembre e gennaio nei nati in estate) con il periodo di maggiore probabilità di esposizione ad infezioni gastrointestinali virali acute da Rotavirus. Alcuni studi epidemiologici, infatti, hanno evidenziato che un alto tasso di infezioni da Rotavirus può incrementare il rischio di sviluppare la malattia celiaca in soggetti geneticamente predisposti.

E voi quando siete nati? … dunque attenzione!

Studio davvero interessante che offre ottimi spunti di riflessione per una buona strategia di prevenzione della celiachia. Buona lettura!

Fonte: Impact of the birth’s season on the development of celiac disease in Italy.

Celiachia e Dieta Mediterranea senza glutine

Questo il titolo del libro che porta l’indimenticabile (almeno per me!) data: settembre 2011, la data della I edizione.

libro_ok

Grazie alla paziente e buona volontà di Maddalena Agnella di FREEl’arte di vivere senza glutine, si torna a parlare di lui

Il libro nato da un’opportunità offerta dal Prof Enrico Bertoli, direttore all’epoca dell’Istituto di Biochimica dell’Università Politecnica delle Marche, e dal Prof Lucio Lucchin, all’epoca Presidente ADI, ha visto poi la fiduciosa accoglienza del Pensiero Scientifico Editore nella persona di Luca De Fiore – direttore generale – e di Bianca Maria Sagone – redazione volumi.

L’avventura di scrivere è stata condivisa con Gianna Ferretti ma in queste righe c’è il mio sapere come ricercatrice, come specialista in scienze dell’Alimentazione e … come celiachia.

Si, proprio così come celiaca arrivata alla diagnosi in età adulta dopo essersi sentita pontificare dai grandi luminari del sapere della gastroenterologia e dell’ematologia , che non avrei mai visto crescere il frugoletto che avevo tra le braccia. Quel fagottino bruno dagli occhi profondi si chiama Andrea, all’epoca aveva 4 mesi ed oggi ha ben 16 anni e … serenamente sono ancora sua compagna di avventura!

Beffardamente e ironicamente il mio ginecologo – dr Marcello Chindamo – prescrisse l’anti-gliadina, l’anti endomisio e l’anti trasglutaminasi e … tutto si sciolse come neve al sole ☺

Gioiosamente celiaca e orgogliosamente autrice di un libro che ancora oggi a circa 5 anni dalla sua stesura, è attuale e innovativo … festeggio così il compleanno della mia diagnosi (29 luglio 1999) e vi auguro: buona lettura!

La dieta senza glutine fa male!

Bene!
Iniziare la giornata con la lettura di NOTIZIE … interessanti e foriere di buon umore è bello!

Celiaca un pò datata – circa 16 anni ormai dalla diagnosi – e paziente consapevole che la dieta gluten free è l’unica terapia, stamane trova scritto che questa stessa dieta alla lunga può provocare danni al fisico[…] diciamo che suscita in me alcune perplessità e un certa reazione orticarioide ☺

Tutti pronti a gridare allo scandolola dottoressa è la solita polemicanon si è resa conto che il giornalista voleva spaventare chi la realizza senza motivo

Si, Vi ringrazio … avevo capito ma … Ma sostengo comunque che seppur vero che la dieta gluten free sta diventando una moda e duqnue bisogna far qualcosa per arginare il dilagare della domanda di prodotti gluten free, è altrettanto vero che dobbiamo rispettare e ricordare il grande ed importante valore che la stessa dieta ha come terapia.

Il numero di soggetti -né celiaci né tantomeno sensibili al glutine- che realizzano una alimentazione priva di glutine sta aumentando a dismisura sia in Italia che in altri Paesi. E’ infatti stato attribuito a questo tipo di alimentazione un potere magico, quello di far dimagrire e togliere la pancia!

A fronte di ciò credo che per sfatare tale mito NON sia corretto battere notizie tendenziose del tipo appunto: “alla lunga una dieta senza glutine può provocare danni al fisico” e continuare rincarando la dose “Una dieta gluten-free può portare nel tempo a carenze di micronutrienti, come pure ad un aumento del rischio di patologie cardiovascolari e osteoporosi

http://www.gingerglutenfree.com/wp-content/uploads/2013/09/senza-glutine-720x320.jpg

Credo che non se ne giovi proprio nessuno! Chi attua un’alimentazione senza glutine perché malato si mortifica/preoccupa in quanto sa di non avere alternative mentre e chi ha deciso di seguire la stessa per togliere la pancia continuerà a farlo perché deve superare la prova costume!

I global-shocks non servono … piuttosto vale fare corretta informazione!

L’alimentazione senza glutine è terapia per il celiaco e per chi vive la sensibilità al glutine non celiaca. Questa prevede l’uso quotidiano di prodotti trasformati dall’industria e studiati appositamente per garantire pasta, pane e pizza sicuramente senza glutine (più corretto 20 ppm). Accanto a questi prodotti si utilizzano tutti gli alimenti previsti dall’Alimentazione Mediterranea, freschi e naturalmente privi di glutine quali verdura, frutta, legumi, pesce, latticini, uova, pollame e carne.

Chi invece vuole perdere peso o diminuire il volume del proprio addome, deve seguire un alimentazione in cui si pone grande attenzione alle porzioni e all’apporto di carboidrati, che dovrà essere ben distribuito e ben bilanciato. Tutto ciò darà più successo se accompagnato da una costante e quotidiana pratica del movimento.

Tutto qui: semplice – vero e chiaro!

Olio di palma: si o no?

È diventato l’imputato numero 1 e sta tenendo ormai da lungo tempo l’attenzione dei più grandi esperti nutrizionisti, opinionisti e insomma … un pò tutti e ovunque si parla di lui quasi come uno di quei tormentoni estivi, che tutti canticchiano!

L’opinione pubblica è ormai schierata e così anche, buona parte degli esperti in materia: unanimemente dichiarano guerra all’olio di palma. Le motivazioni sono due: fa male all’uomo e fa male al Pianeta. Di tutto ciò ho deciso di parlarne qui perchè anche chi acquista i prodotti in farmacia – il celiaco! – seppur definiti dietoterapici non è salvaguardato!

VERO, dunque qualche considerazione va pur fatta, perché … c’è chi parla bene dell’olio di palma. Molto di parte, lo ammetto!

http://www.lericettedellamorevero.com/wp-content/uploads/2015/03/Olio-di-palma-fa-bene-o-fa-male-Facciamo-chiarezza.jpg

L’olio di palma ha una composizione chimica molto simile al burro … allora hanno ragione!

L’olio di palma è simile all’olio di oliva, è infatti un olio vegetale ottenuto dalla spremitura di drupe di alcune varietà di palma che crescono in Camerun, Costa d’Avorio , Ghana , Liberia, Nigeria , Sierra Leone , Togo e nella regione equatoriale di Angola e Congo … allora hanno ragione!

No, fermi (!)
Ora … lungi da me dal voler ripetere una storica – datata quanto sacra scena… Gesù o Barabba né tantomeno serve tuonare crocifiggilo! … crocifiggilo! … dobbiamo solo capire ☺

Si è vero, l’olio di palma è un grasso di origine vegetale, ottenuto per spremitura di frutti ed è anche vero che la sua composizione chimica lo porta ad essere molto simile al burro in quanto è ricco di acidi grassi saturi quali palmitico, stearico e laurico. Ma ciò, non lo scagiona.

Rimane il fatto che è un grasso pericoloso quando se ne abusa.

Lo troviamo in particolare come ingrediente di numerosi prodotti confezionati quali biscotti, merendine, snack salati, piatti pronti, alimenti per l’infanzia e molto altro ancora fino alla suprema Nutella!

Gli effetti negativi sulla salute sono legati all’eccesso di consumo, infatti ben noti ormai sono gli effetti degli acidi grassi saturi sul buon funzionamento dell’apparato cardio-circolatorio e sull’innalzamento dei grassi circolanti quali trigliceridi e colesterolo. In realtà noti sono anche gli effetti sull’obesità – diabete – cancro (???). Dunque dovremmo farne un uso moderato … cosa al quanto difficile vista la sua dilagante diffusione.

Perché l’industria lo usa se c’è il burro, suo analogo e meno nocivo per l’uomo?
Intanto diciamo che l’industria ha bisogno di grassi saturi perché questi danno consistenza e struttura ai prodotti a differenza dei grassi insaturi e liquidi; ma … ci sono almeno 3 altri motivi:
– perché ha un costo nettamente inferiore;
– perché è praticamente insapore, e aggiunto alle preparazioni non ne altera la gradevolezza;
– perchè garantisce una conservabilità maggiore dei prodotti, per la sua maggior resistenza alla temperatura e all’irrancidimento.

L’uso è poi diventato abuso quando l’WHO e OMS hanno dichiarato aperta la guerra ai grassi idrogenati, composti principali delle famose margarine. In tal senso l’utilizzo dell’olio di palma è giustificato per evitare che nei prodotti ci sia il peggio!

A ciò però c’è da aggiungere gli effetti negativi sulla salute del Pianeta e … qualche considerazione a carattere etico!

Ci sono, e sono innegabili (1).

La coltivazione delle palme da olio comporta una massiccia deforestazione con conseguenze sulla biodiversità; sull’emissione di gas serra; lo stravolgimento dell’assetto idrogeologico del territorio.

Si aggiungono anche considerazioni di carattere etico: espropriazione dei contadini dalle proprie terre, di deportazione di interi villaggi, di sfruttamento, di totale assenza di condizioni di sicurezza sull’ambiente di lavoro.

Emerge dunque un problema davvero complesso sul quale ad onor del vero a tutt’oggi nessuna Istituzione o Organizzazione nè la stessa comunità scientifica ha espresso un parere completamente negativo e unanime e definitivo e categorico in attesa di valutazioni accurate. E noi?

A noi cittadini spetta rimanere in uno stato di vigilanza consapevole senza prendere posizioni stile Gesù-Barabba! quanto piuttosto documentarci e agire in scienza e coscienza.
Per essere concreti? Significa che nella nostra quotidianità possiamo/dobbiamo fare acquisti consapevoli, che tradotto nella pratica quotidiana della spesa, significa scegliere il meno possibile prodotti confezionati e trasformati dall’industria e quando non ne possiamo fare a meno leggere attentamente le etichette e limitare il consumo di prodotti che contengono olio di palma.

Buoni acquisti consapevoli e buona lettura e ascolto di notizie!

Dall’uovo una soluzione per la celiachia

Titolo un pò … particolare, vero?
Sarà … l’uovo di Colombo per la celiachia?

No, nulla di tutto ciò quanto piuttosto un nuova ricerca che porta l’attenzione su: uovo&celiachia. Alcuni componenti dell’uovo sembrano giocare un ruolo favorevole per il soggetto celiaco, questo quanto emerge da una recente ricerca dal sapore americano.

E’ Hoon Sunwoo, docente di scienze farmacologiche e ricercatore dell’Università di Alberta che propone una pillola. Si, una pillola che il celiaco potrà assumere 5 minuti prima del pasto a rischio glutine.

pills

Non è un farmaco MA un medicinale che permette di consumare cibi contenenti glutine senza causare le peculiari reazioni che medici e pazienti conoscono!

… permette o permetterà? … e poi … cosa c’è in questa pillola?

Permetterà in quanto siamo ancora in fase di sperimentazione anche se il ricercatore è fiducioso e sostiene che a breve sarà commercializzata.

Chiarendo la composizione della pillola sveliamo che si utilizzano gli anticorpi contenuti nel tuorlo dell’uovo per ricoprire il glutine, in modo che possa semplicemente attraversare l’organismo senza creare problemi. Ingerita prima del pasto incriminato si avrebbe, così una protezione di circa 2 ore dagli effetti del glutine.

Queste le parole di Sunwoo …
Non si tratta di una soluzione per trattare o curare la malattia celiaca in quanto la dieta senza glutine resta l’unica terapia, ma si potrà migliorare la qualità della vita e facilitare la socializzazione

Volete una mia impressione … mi conoscete come persona entusiasta e curiosa ma questa volta a me non convince! C’è sicuramente una dose di stanchezza dovuta al fatto che ormai troppe ricerche promettono pillole o vaccini o altre diavoleria!
A seguire poi lunghi silenzi …certo, so bene che la ricerca ha tempi ciclopici ma …

Allora dico che… preferisco la mia dieta gluten free a stampo mediterraneo che predilige alimenti di origine vegetale freschi, di stagione e colorati

Grano o Sistema Immunitario?

Oggi Vi lancio una provocazione!

[…] la dieta occidentale ricca di grassi e zuccheri, sempre più riconosciuta come pro-infiammatoria, è in parte responsabile. Ma qualunque sia la risposta finale, sappiamo che c’è un problema molto reale: il sistema immunitario dell’uomo contemporaneo sembra essere andato in tilt. Forse dovremmo smettere di chiederci cosa c’è di sbagliato nel grano e iniziare a chiederci cosa c’è che non va in noi.

E aggiungo anche un video …

Per me è estremamente interessante e ricco di spunti di riflessione su una verità per troppo tempo taciuta! I tempi sono maturi per cambiare, cioè basta parlare di grano, di modifiche genetiche a carico di questo cereale e altre diavolerie quanto piuttosto è ora di pensare al nostro sistema di difesa che non è più in grado di rispondere correttamente ai tanti/troppi/errati stimoli la cui fonte sono gli alimenti che quotidianamente entrano nei nostri menù.

Voi cosa ne pensate?

Dermatite Erpetiforme di Duhring e Celiachia

http://www.notonlyglutenfree.org/files/2011/11/cactus1.jpg

In questi giorni si legge veramente tanto su celiachia, sensibilità al glutine, alimentazione senza glutine e altro ancora. Bene , il mese di giugno dedicato all’informazione e sensibilizzazione sta portando i suoi frutti!

Ora puntiamo la nostra attenzione su una delle manifestazioni della celiachia forse poco note che vanno sotto il nome di Dermatite Erpetiforme di Duhring (DE).

Che cos’è? Come si manifesta? Quando si manifesta? Cosa fare?

Sono più o meno queste le incalzanti domande che balzano alla mente o vengono rivolte al professionista, da chi già sta sperimentando tale patologia sulla propria pelle (mai espressione fu più calzante!).

La DE è una irritazione cronica recidivante della pelle. Questa si manifesta con vescicole sierose concentrate principalmente su gomiti, ginocchia, schiena e glutei. Le vescicole sono responsabili di un sintomo alquanto fastidioso: una intensa sensazione pruriginosa.

Anche nella DE come nella celiachia c’è un algoritmo diagnostico ben delineato, c’è una clinica ben definita ed una terapia altrettanto ben descritta. Tutto ottimamente dettagliato nelle Linee Guida elaborate dall’Associazione Italiana Celiachia (AIC).

A questo punto vi starete chiedendo perché allora parlarne qui?
Perché proprio in questi giorni , come già accennato, dopo lungo tempo di silenzio su tale manifestazione, se ne parla … finalmente!

Occasione viene dalla pubblicazione di uno studio su Scandinavian Journal of Gastroenterology nel quale si descrive la DE in soggetti celiaci che occasionalmente ingeriscono glutine.

Lo studio condotto da un gruppo di ricercatori dell’Università di Tampere, in Finlandia, ha coinvolto 514 pz con DE. Di questi, 20 arruolati (pari al 4% del totale) erano anche celiaci ma con comportamenti dietetici verso la malattia non sempre ad hoc, infatti solo 6 seguivano l’alimentazione gluten free in modo rigoroso.

Queste le conclusioni dello studio:
[…] una volta conclamata la presenza di DE, in tutti i casi l’eruzione cutanea è stata efficacemente controllata con un regime gluten-free, perseguito mediamente per sei mesi.

I ricercatori hanno pertanto dimostrato che la celiachia della pelle si manifesta prevalentemente in soggetti celiaci con una intensità dipendente dall’introito di glutine, anche in modo saltuario. Questo testimonia che la celiachia, nel tempo e in taluni pz, potrebbe evolvere anche in celiachia della pelle; quest’ultima risponde bene a una dieta totalmente priva di glutine, ma recidiva in caso di trasgressione.

Motivo in più – qualora ce ne fosse bisogno – per seguire rigorosamente l’alimentazione gluten free!

In chiusura aggiungo anche che sono forte&convinta sostenitrice di tale affermazione/invito perché ho conosciuto personalmente la DE e … credetemi … è davvero fastidiosa (volendo usare un eufemismo!).

Colpa della dieta vegana

Scusatemi ma non posso tacere!

Non posso tacere per diversi motivi e anche perché non più tardi di qualche giorno fa è stato pubblicato un articolo nel quale c’è un mio virgolettato a proposito della compatibilità tra alimentazione gluten free e di tipo vegetariano. Mi spiego …

Oggi leggo – e ricevo molte sollecitazioni a riguardo – uno dei tanti articoli che stanno uscendo e che più o meno, in svariate forme, titola così: Caso del bimbo denutrito

Non posso tacere perché l’informazione deve essere fatta in modo semplice, comprensivo MA scientificamente corretta, eticamente sincera … insomma evitando demagogia, clamore, polveroni e ciarlatanesimo!

A mio modo di pensare, leggendo&rileleggendo quanto scritto da diversi numerosi giornalisti sull’accaduto, ciò che emerge e che va sotto accusa è la correttezza/adeguatezza dell’alimentazione NON onnivora – in questo caso vegana.

In realtà è ben altro! Sotto accusa è: l’incuria (volendo usare un eufemismo!) dei genitori. Vi spiego il mio punto di vista …

Il bambino in questione se è ricoverato presso il reparto di malattie metaboliche causa malnutrizione, non è certo perché seguiva una alimentazione vegana quanto piuttosto perché la sua alimentazione vegana NON era per scelta ne tantomeno correttamente realizzata, era un fai da te.

Mi sembra di aver capito che il piccolo paziente probabilmente non era/é neanche mai stato visto da un pediatra. Cosa un po grave, direi … siamo nel 2015!

Non vorrei banalizzare ma è come se i genitori portassero il bambino al mare dalle 13 alle 14 e poi viene ricoverato al reparto ustionati. A quel punto battiamo la notizia: Caso del bimbo ustionato. “Raggi del sole sotto accusa”.

… ennò, cari lettori! Sotto accusa è chi porta il bambino al sole a quell’ora… è scriteriato il comportamento, non fa certo male l’esposizione al sole… Tutto deve essere fatto con la testa ben piantata sulle spalle.

Tornando al nostro caso – ben grave (!) – sotto accusa non può finire uno stile alimentare, una filosofia di vita quale quella vegana, ma è piuttosto il come, il quando ed il perché viene attuata/praticata.

http://www.curarsialnaturale.it/wp-content/uploads/2013/04/bambinivegetariani1.jpg

Quelli che sottendono alla alimentazione vegana, vegetariana e altri ancora… sono concetti che debbono essere ben conosciuti e maturati nel corso della propria vita. E’ fondamentale la vicinanza di un professionista che sappia dare corrette e semplici informazioni al fine di non privare il nostro perfetto corpo di nessun nutriente e dunque di continuare a svolgere al meglio tutte le sue funzioni.

E voi che ne pensate? Aperta al dialogo, alla condivisione come sempre … Grazie ☺

Copio&Incollo

Alla faccia del rispetto delle fonti!

http://www.worky.biz/wp-content/uploads/2011/05/giornali.jpg

30 maggio 2015 vs 16 giugno 2015 … il rispetto credo sia fondamentale.

Credo sia anche buffo scrivere in fondo all’articolo:
16 GIUGNO – 9:52
RIPRODUZIONE RISERVATA

mha … prendiamo il buono: nel mese dedicato alla informazione e sensibilizzazione su celiachia e disturbi glutine correlati, è bene che tante testate on line e off line ne parlino.

Celiachia: una fragrante novità …

Si, il mercato dei prodotti senza glutine sforna un’altra novità.

I termini utilizzati: fragrantesfornanon sono del tutto casuali e hanno già portato la mente verso … verso il pane. Un pane sicuramente affascinante e accattivante sotto tanti punti di vista. Vediamo…

http://www.lefarinemagiche.it/wp-content/uploads/2014/09/Bread-loafs-21.jpg

Si chiama Bontà di Pane il filoncino morbido tagliato a fette con una tipica crosta dorata, una mollica ben lievitata e … un fragrante profumo di pane. A proporlo è Giuliani nella linea Giusto Sapori Tradizionali.

La novità che fa scalpore e che desta tanto interesse nonché curiosità è il suo ingrediente principe: farina di frumento.

Grazie ad una ricerca iniziata nel 2002, sulla lievitazione naturale il gruppo di ricercatori coordinato dal prof Gobbetti dell’Università di Bari A Moro, è riuscito oggi – grazie all’utilizzo di enzimi e batteri presenti nel lievito naturale (pasta acida o pasta madre) – ad eliminare quella tanto temuta componente proteica chiamata glutine.

Oligopeptidi derivati dall’idrolisi preliminare vengono ulteriormente attaccati da fermenti lattici che sono stati isolati, identificati e selezionati, in grado di rimuovere il glutine. Tale processo avviene durante le 24 ore di riposo previsto per l’impasto. Ottenuta tale farina, in un’area dedicata dello stabilimento, questa viene utilizzata per la preparazione del pane in un’altra zona dello stesso stabilimento. Tutto ciò per garantire la massima sicurezza al celiaco evitando dunque possibili contaminazioni.

Severi sono i controlli per garantire sicurezza e salubrità del prodotto. Oltre a ciò è un prodotto con altre peculiarità!

Migliore qualità nutrizionale: ha un profilo di fibra alimentare più completo, più minerali, vitamine, e aminoacidi. E’ privo di lattosio, grassi idrogenati e vede l’utilizzo di olio di oliva.

Migliore qualità organolettico-sensoriale: più sapore, morbidezza, consistenza, profumo e croccantezza della crosta.

Migliore digeribilità e migliore conservabilità!

E’ proprio venuta voglia di acquistarlo, no?!?! e allora forza … in farmacia e/o nei negozi specializzati e poi … coraggio con i primi commenti dopo l’assaggio ☺