Spiga Barrata: 1, nessuna, centomila

Credo che miglior rappresentazione dell’eterogeneo quanto veloce mondo gluten-free non ci possa essere 🙂

A: Tu che sei più aggiornata di me , mi sai dire se esiste il logo spiga barrato nero?
B: no, dove lo hai visto?
A: … mhaho acquistato una bottiglietta di salsa di soia e c’era questo marchio. Poi ho letto gli ingredienti e c’era scritto estratto di orzo tostato allora mi sono insospettito

E’ più o meno questo lo scambio di battute al quale ho assistito ieri sera, tra un esercente ed un cliente. Quello che mi ha fatto meraviglia è l’ignoranza dell’esercente che continuava ad arricciare il naso e/o alzare le spalle, accompagnando il tutto con mugugni del tipo … mhanon soproverò a vedere

Ma dico io : Tu! che hai deciso di essere riferimento per i celiaci, non lo avrai mica deciso di fare solo per vendere cibo idoneo … o si?

Seppur vero che di loghi ne conosciamo e vediamo diversi e seppur vero che le novità corrono-corrono, credo che sia sempre e comunque e altrettanto vero che la corretta ed ufficiale informazione vada ricercata:
AIC
AOECS

… e comunque questa è la verità: il simbolo con spiga barrata rossa su fondo bianco, racchiusa in un cerchio rosso, è un simbolo registrato e di proprietà dell’Associazione Italiana Celiachia.
Seppur esistono in commercio diversi prodotti che presentano sulla confezione un simbolo simile ma di colori o forma diversi è solo perchè:
molte Associazioni di celiaci nel mondo hanno creato e registrato un proprio simbolo per identificare i prodotti senza glutine che rispettano le normative vigenti nei propri paesi, da quando è entrato in vigore il Regolamento CE n° 41/2009 in tutti i paesi europei è stato fissato in 20ppm il limite per poter considerare “senza glutine” un prodotto. Quindi tutti i prodotti con simbolo spiga barrata sulla confezione (anche se di colore diverso da quello Italiano) e prodotti in Europa sono da considerarsi sicuri per i celiaci. Se invece si tratta di alimenti con spiga barrata ma prodotti in paesi extraeuropei, conviene informarsi preventivamente sui limiti di ppm validi in quei determinati paesi poichè vi sono ancora stati con limiti ben più alti di quelli in vigore in Europa!

le notizie vanno veloci, il tempo passa e la conoscenza RISTAGNA 🙂

Un pensiero su “Spiga Barrata: 1, nessuna, centomila

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *