Cereali, cereali delle mie brame..

Essì.. cereali delle mie brame … così importanti eppure così pericolosi!

Per tutti?
Importanti sicuramente SI mentre pericolosi solo per alcuni ma…. basta saper scegliere!
Gli alcuni sono coloro che risultano essere intolleranti al glutine, la componente proteica che si forma durante l’impasto dalle frazioni proteiche presenti nella cariosside e dunque negli sfarinati.

Ce ne sono comunque veramente per tutti i gusti, infatti i cereali appartengono alla famiglia delle Graminacee che include circa 500 generi e ben 5000 le specie. Ci sono cereali tradizionali (frumento, orzo, riso, mais), cereali minori (teff, miglio, fonio, chia) e pesudocereali (grano saraceno, amaranto, quinoa) fino ai cereali senza glutine (riso, mais, grano saraceno, amaranto, sorgo, miglio).

Per tutti, vale il consiglio di scegliere cereali integrali. Perché?

Recenti studi hanno evidenziato infatti come questi prodotti vegetali siano in grado di giocare un importante ruolo protettivo nei confronti di neoplasie, patologie cardiovascolari, diabete ed obesità… soprattutto quando integrali perché particolarmente ricchi di phytocomposti!

I cereali integrali sono infatti….
… fonte concentrata di fibra alimentare che raggiunge l’intestino dove viene fermentata producendo acidi grassi a corta catena in grado di abbassare il pH, essere fonte di energia per i colonociti ed infine abbassare i grassi nel sangue;
…. ricchi di antiossidanti, che includono tracce di minerali e composti fenolici, in grado di prevenire numerose patologie.
…. in grado di mediare/modulare la risposta insulina-glucosio. Inoltre abbassando l’IG giocano un ruolo fondamentale nel diabete, obesità ma anche sul rischio di tumore colon-retto.
…. fondamentale fonte di tanti altri composti quali fitati, fito-estrogeni (lignani), stanoli e steroli, vitamine e minerali.

I numerosi composti citati hanno effetti positivi sulla salute … questo lo slogan declinabile anche in versione gluten free!

Diapositiva1

Come mangiarne? Quanti mangiarne? questo per essere pratici!
I cereali difficilmente entrano nella nostra alimentazione mediterranea quotidiana tal quali quanto piuttosto sottoforma di pasta, pane, pizza, trasformati dolci e salati.

Quanti mangiarne? Siamo alle solite.. mi piace poco la matematica (!) comunque…. Nei nostri menù i cereali rappresentano il 60% del fabbisogno calorico. Tale percentuale si può raggiungere con 1-2 fette di pane a colazione, 60-70g di pasta o riso a pranzo e 2-3 fette di pane a cena. Si possono anche aggiungere 1-2 fette di pane come spuntino.
Sarebbe bene evitare di consumare cereali, in particolare pasta o riso come fonte di carboidrati, nel pasto serale per evitare effetti indesiderati sul metabolismo durante il riposo notturno…. ne riparleremo!

La pizza? Sicuramente 1 volta a settimana scegliendola a base vegetale e dove serve/per chi serve… gluten-free 🙂

1 pensiero su “Cereali, cereali delle mie brame..

Rispondi a lagaiaceliaca Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *