Una sana colazione…!

Bè, prima di tutto ben ritrovati! Ora andiamo al nocciolo e riprendiamo con la categoria che mi sta più a cuore..

Ingredienti: preparato di albicocca (35,7%) [purea di albicocche (50%), sciroppo di glucosio-fruttosio, zucchero, addensanti: pectina addizionata di E450 e alginato di sodio, correttori di acidità: E330-E333iii, conservante: E202, aromi], zucchero, burro, uova, farina di riso, farina di grano saraceno, latte scremato in polvere, aromi, addensante: farina di semi di guar, fibra di psyllium, agente lievitante: sodio bicarbonato, conservante: E282.

Ingredienti: acqua minerale naturale (83%), zucchero, fruttosio (0,5%), estratto di te verde (0,2%), acidificante: acido citrico, aromi, antiossidante: acido ascorbico, edulcorante: sucralosio, coloranti (E150d, E131).

Che cosa potrebbe essere questo cocktail chimico che ho sottoposto alla vostra attenzione?

.. …….. …… ….. comincio ad aiutarvi…. la prima alchimia produce un cibo solido mentre la seconda una bevanda….. ….. …… possono comporre il primo pasto della giornata!

Bhè dunque… tornado a casa la dispensa è semivuota e quindi si va al bar per far colazione… già… ma un celiaco cosa sceglie?

Con grande sorpresa, nel bar dove vado di solito per un veloce caffè, ho trovato in un angolo vicino al banco, un contenitore con merendine monoporzione gluten-free. La scelta poteva essere: crostatina all’albicocca, muffin allo yogurt oppure muffin al cocco. Così ho scelto la crostatina e poi, complimentandomi con la barista per l’attenzione a questa realtà e per aver trovato questa semplice quanto efficace soluzione, ho chiesto un the verde freddo.

C’è chi durante la colazione legge il giornale, chi guarda la TV e chi…. si diverte a leggere le etichette!

Ora, non bisogna essere degli “esperti” per capire che c’è una enorme incongruenza tra gli elenchi degli ingredienti, che vi ho sopra indicato, e la dicitura … prodotto da forno dietetico senza glutine e Azienda certificata Ministero della Salute. Cosa hanno di dietetico questi prodotti? Cosa certifica il Ministero della Salute?

Si, si .. tranquilli certo che so che è tutto riferito al “senza glutine” ma…. ormai dopo tanti anni e sopratutto in un mercato gluten free così variegato che offre così tante tipologie di prodotto non è forse tempo di cominciare a chiedere qualcosa di più e magari fare un discorso di QUALITA’ di ingredienti per avere un prodotto di QUALITA’? Tanto più che l’autorizzazione e ministeriale!

Ormai la qualità igienico-sanitaria, la qualità tecnologica (monoporzione, eat&go, surgelato, precotto, ready meal….) sono state conquistate. I tempi sono maturi per chiedere di concentrare gli sforzi sulla qualità nutrizionale, cioè ricerca di ingredienti meno chimici e più naturali. Facciamo degli esempi …. riprendiamo il primo elenco degli ingredienti.

Ricordate la regola che gli ingredienti si riportano in ordine decrescente – da quello presente in maggior quantità a quello presente in minor quantità? Bene, poichè ho acquistato una crostatina avrei voluto trovare al primo posto: farina, ed invece appare al 5° posto dopo zucchero, burro, uova. A seguire… la chimica: aromi (non specificati dunque di sintesi), addensanti, agente lievitante e conservante. Qui, una sigla: E282, cos’è? Propionato di calcio, un sale dell’acido propionico, utilizzato per proteggere il prodotto dall’attacco dei funghi.

Anche il preparato di albicocca offre qualche spunto… 50% purea di albicocche (per purea si intende il prodotto ricavato setacciando la parte commestibile del frutto interi o sbucciato, senza eliminare il succo) e 50% di pura chimica di cui zuccheri e addensanti, correttori di acidità, conservanti e aromi. I trattamenti tecnologici sono responsabili dell’impoverimento del patrimonio di vitamine, minerali, fibra e anche di zuccheri (frutosio) tanto che a seguire troviamo l’aggiunta di sciroppo di glucosio-fruttosio!

Ho annaffiato il tutto con la seconda brodaglia chimica altrimenti definita Thè verde. Cosa ha del the verde? L’estratto 0,2% ma sopratutto il colore verde ….. della bottiglia, del tappo e dell’etichetta! Qui e qui, qualcosa di altro sempre sul tema…

Speriamo che il progetto bar prenda velocemente il via!!!

4 pensieri su “Una sana colazione…!

  1. Niente hanno di dietetico!!! Proprio a fagiolo questo post, vista la polemica attuale sulla proposta UE circa l’eliminazione della dicitura “dietetico” 😉

    Buone vacanze Letizia!

  2. Ciao Letizia, ben tornata.
    Anche io leggo sempre le etichette: escludevo molti prodotti industriali prima di essere celiaca e ancor più ora.
    Ma la strada per una presa di coscienza di “massa” che possa modificare il mercato temo sia ancora lunga (e questo vale per tutti) …

    E’ sempre interessante leggerti, grazie

    Michela

  3. Buongiorno Letizia,
    sono assolutamente d’accordo. Magari si muovesse qualcosa per rendere i prodotti s.g. un po’ meno “carichi” di ingredienti vari ed eventuali !!!!
    Post interessantissimo, grazie
    Manuela

  4. Pingback: spunti di riflessione. « feel free, naturalmente, gluten free

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *