Celiachia molto più che un business…..

Chi di noi oggi non ha letto e riletto la notizia battuta dalla maggior parte delle testate giornalistiche? Si, sto parlando della scomparsa di Davide.

Attenzione! Si parla oggi molto di celiachia (incidenza, sintomi, esami da fare…..) ma quanti veramente e correttamente sanno “trattare” il celiaco?

La causa della morte non è celiachia perchè il ragazzo era poliallergico e sarà l’autopsia a darne conferma ma…….. recentemente, troppo spesso la celiachia è presentata come un business per la ristorazione, per le Aziende……

La celiachia è ben altro! La celiachia è una malattia e chi decide di prendersi cura di un celiaco deve farlo con consapevolezza, coscienza e rigore, sapendo che ciò che il celiaco mangia, se mal preparato e/o servito, può trasformarsi in veleno.

E’ fondamentale essere informati costantemente su quelle che sono le novità sull’alimentazione gluten-free e sopratutto bisogna essere sempre attenti in ogni momento dalla preparazione all’arrivo in tavola, di un piatto senza glutine.

Guai alla superficialità e/o cattiva informazione!

Arrivederci Davide!

3 pensieri su “Celiachia molto più che un business…..

  1. Ho telefonato al giornale Libero per come squallidamente era stata descritta una persona affetta da un intolleranza alimentare. E’ vero sarà pure una malattia ,ma non si può trattare un celiaco come un disadattato un lebbroso o comunque come se fosse affetto dalla più terribile delle patologie.Sono madre di una bambina potenzialmente celiaca, che però è sana ed allegra. Non me la sento di compiangere i celiaci come se fossero quasi malati disadattati incapaci di vivere un vita normale. Sono persone che se vivono a dieta di glutine stanno benissimo. Le persone malate sono ben altre scusate. Letizia

  2. In questi giorni e’ stato scritto tanto (tanta disinformazione) riguardo a questo triste avvenimento, ma finalmente un commento intelligente, che condivido pienamente. Grazie!

    La celiachia e’ una cosa seria che non deve essere trattata con superficialita’ o come un business, cosa che ultimamente mi succede un po’ troppo spesso di vedere, anche in prima persona e non solo in Italia…purtroppo. Io sono una persona celiaca, che si porta dietro diversi problemi dovuti ad una celiachia riconosciuta tardivamente. Non mi sento di vivere una vita completamente “normale”, nonostante gli sforzi e spesso mi e’ successo di stare molto male proprio a causa di questa superficialita’. Vorrei solo che questa “malattia” venisse considerata piu’ seriamente sia dalle persone, dalle aziende o ristorazione, che dai medici compresi!! Laura

  3. C’è ancora troppa ignoranza riguardo la celiachia, anche da parte di chi, per motivi economici, vuole spacciarsi per esperto. Essere commiserati non è bello, e ci sono certamente malattie più serie e gravi, ma è giusto che la celiachia venga considerata a tutti gli effetti una malattia (soprattutto se pensiamo a quali conseguenze può portare con sè) e chi ne è affetto venga trattato con la giusta attenzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *