Un nuovo ingrediente

Lupin E’ il lupino che è stato sottoposto ad una lunga fase di sperimentazione, che ha coinvolto nutrizionisti e tecnologi alimentari, per sostituire la soia, per offrire più qualità nutrizionale e gusto agli alimenti senza glutine. Le motivazioni del successo sono principalmente tre: tecnologiche-nutrizionali ed organolettiche.

La farina di lupino è un ottimo emulsionante naturale che permette di migliorare la distribuzione dei vari ingredienti nella fase dell’impasto. La ricchezza di fibra permette inoltre di aumentare la quantità di acqua che viene assorbita: il prodotto risulta più fresco e fragrante per un tempo più lungo.

Da un punto di vista nutrizionale, il lupino è importante per l’apporto di proteine, pari a quello della soia (50% del peso umido) paragonabile a quello della carne e superiore a quello delle uova. Più elevato di tutti gli altri legumi è l’apporto in fibra (5g su 100g di parte edibile), mentre l’apporto in grassi è inferiore rispetto a quello della soia (8% vs 23%) ed essi hanno un ottimo rapporto omega 6/omega3, acidi grassi essenziali con numerose proprietà benefiche.

Infine anche le proprietà organolettiche sono importanti, la farina di lupino conferisce una colorazione giallo oro, molto apprezzata sia nella pasta sia nei prodotti da forno. Il sapore, non solo non copre altri aromi eventualmente presenti, ma risulta come vantaggio organolettico sopratutto per la pasta che così può esaltare il gusto dei sughi.

Tutto ciò ha portato ad una rivoluzione nel mondo del senza glutine della Bi-Aglut che ha deciso di sostituire la soia con il lupino in alcuni prodotti: dalla pasta, ai biscotti, ai cracker, alla fette biscottate e al preparato per impanare.

3 pensieri su “Un nuovo ingrediente

  1. Dove o come posso acquistare la farina di lupino?
    Tenete presente che abito a Leffe, in proviancia di Bergamo.
    Grazie, attendo risposta in merito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *